Anna Frank

1

Gli stadi dovrebbero essere luoghi dove con unione fraterna e passione si va a trascorrere una serena giornata.

Così non è stato domenica sera allo stadio Olimpico, dove alcuni tifosi hanno affisso adesivi ritraenti il volto di Anna Frank con la maglietta della Roma.

Gesto vergognoso e razzista che ci ha sconvolti.

La federazione calcistica ha disposto che prima della partita si leggesse una pagina del diario di Anna Frank.

Auspiachiamo una giusta sanzione nei confronti di questi “ragazzi”, e che si inizi a riflettere seriamente su questi atti antisemiti.

Cirano Giovani

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | Lascia un commento

Oliveri in lutto

3

Oliveri piange l’improvvisa perdita del giovane Pasquale Calabro.

Siamo vicini al figlio Francesco, alla moglie Cettina e tutta la famiglia.

Cirano Giovani

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | Lascia un commento

Verso le regionali

0

Stiamo per recarci alle urne per votare i nuovi rappresentanti alla regione e il nostro presidente.

Noi del movimento Cirano, abbiamo approfondito alcuni temi e vogliamo condividere con i concittadini alcune riflessioni.

La Sicilia è la regione con l’assemblea più costosa di tutta la nazione: 160 milioni di euro, fino al 2015. Per comprendere la misura basti sapere che le seconde regioni più costose sono Veneto e Lombardia, che spendono circa la metà, ma che al contrario della Sicilia sono molto ricche.

Il numero dei dipendenti della regione Sicilia è uguale a quello di tutte le altre regioni a statuto speciale messe assieme.

I soli forestali sono oltre 20 mila, più di quanti ce sono in tutto il resto di Italia. Da molti questo dato è considerato un simbolo della politica clientelare per conseguire consenso elettorale.

Ogni mese le partecipare siciliane perdono 16 milioni di euro. Una bottega che apre tutti i giorni senza avere alcun guadagno ma costretta a sostenere le spese e che continua imperterrita a rimanere aperta.

La nostra, è la terza regione europea per numero di persone che non lavora, non cerca un lavoro e non studia. Questo significa che molte persone non hanno più la speranza di un miglioramento.

Negli ultimi dieci anni è stata quantificata in 24 miliardi l’evasione fiscale per tasse e tributi. Questa cifra è stata stimata come sufficiente a finanziare, aeroporti, trasposto navale, treni veloci e il rifacimento di strade e autostrade. Eppure, recentemente il Dott. Fiumefreddo, responsabile di riscossione Sicilia, aveva scoperto un vaso di Pandora dentro cui aveva trovato che parlamentari e enti regionali erano tra gli inadempienti, attivando una serie di iniziative volte al reintegro delle somme dovute. Da alcuni mesi mesi Fiumefreddo non ricopre più il proprio incarico e riscossione Sicilia sta per essere liquidata.

Probabilmente la notizia più allarmante è quella che riguarda il bilancio della regione. Per la prima volta, un pm della corte dei conti (un organo statale, che svolge funzione di controllo del bilancio economico di enti pubblici) accusa che il rendiconto annuale sia falso e che il pareggio di bilancio sia frutto di aggiustamenti non legittimi. Lo stesso pm, in una recente intervista, evoca tale evento come possibile causa di fallimento. Certamente la questione resta aperta e se ne discuterà a maggio 2018. Chiunque vinca dovrà dare adeguate spiegazioni in proposito.

A tutto questo, il paradossale immobilismo di una classe politica che dovrebbe adoperarsi a invertire la rotta: negli ultimi sette mesi è stata emanata una sola legge, quella che resuscita le province, dopo che non erano mai state eliminate.

Volendo dare una lettura storico politica dei dati espressi, appare evidente che la Sicilia paghi a caro prezzo la propria condizione di regione a Statuto speciale. Tale condizione giuridica, permette ampia autonomia su questioni finanziarie e amministrative, è stata declinata al “siciliano” dai politici che si sono succeduti, assumendo le forme delle nostre peggiori, ancestrali, caratteristiche.

Di fatto, l’autonomia di cui godiamo ha consegnato la nostra terra ad una burocrazia inerziale e a una classe di governo malata di un trasformismo politico che sembra avere il solo scopo di mantenere i propri privilegi, rivedendo sempre al ribasso gli sforzi orientati al benessere dei cittadini. Eppure, a parte qualche voce fuori dal coro, i politici che si sono succeduti hanno sempre difeso con il coltello fra i denti tale autonomia. Le loro ragioni non sono comprensibili ne condivisibili.

La realtà è che l’esistenza di Ente così regolato non ha più alcun senso sul piano politico, e ancora meno sul piano economico. Gli eventi politici risalenti alla fine della seconda guerra che hanno suggerito l’utilità di questa condizione sono lontani nel tempo e non più attivi, mentre le conseguenze economiche sono impietose e relegano la Sicilia a regione più povere di tutta la nazione.

La percezione che si ha è che attualmente l’unica industria sicura, in grado di generare reddito in Sicilia sia la politica dei politicanti.

Solo questo può giustificare la transumanza ideologica che sposta i vari politici da un partito all’altro con la stessa disinvoltura con cui ci si cambia la camicia al mattino. Per essere chiari: nelle attuali liste regionali molti candidati hanno cambiato casacca fino a sette volte.

Esattamente, quando ci parlano di cambiamento, a cosa si riferiscono?

Movimento Cirano

Noi del movimento Cirano Giovani abbiamo molto riflettuto a quanto sopra espresso.
Ahinoi, abbiamo capito, che versiamo in uno stato molto grave.
L’ unica speranza è quella che il nuovo governo con i deputati tutti, si impegni a risolvere nei miglior modi tutte le criticità.
Condividiano pienamente quanto scritto sopra.

Cirano giovani

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | 3 commenti

Cirano giovani ha partecipato alla festa culturale di Cannistrà

0

Quando le cose sono fatte in squadra, è vero, riescono sempre bene.

Noi del gruppo Cirano giovani, vogliamo ringraziare Tonino Privitera, il presidente Enzo Mirabile e tutta l’associazione “Cannistrà” per averci dato l’opportunità di partecipare alla 6° edizione della festa culturale.

Cannistra è un piccolo Borgo collinare di Barcellona Pozzo Di Gotto,  da cui i giovani e non,  possono apprendere molto sul decoro e sulla pulizia del paese.

È l’esempio che l’impegno porta a realizzare gli obiettivi preposti.

Cannistrà ha allestito le strade per accogliere il bellissimo percorso dell’identità siciliana, a base di arte, letteratura, musica, storia dei costumi e delle tradizioni e la cucina tipica della nostra terra.

Movimento Cirano Giovani con grande entusiasmo ringrazia.

Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | Lascia un commento

Richiesta “Adotta una aiuola”

0

Il Movimento Cirano e il gruppo Cirano giovani considerano necessario che ogni cittadino sia coinvolto attivamente al miglioramento e tutela del nostro territorio.

Una partecipazione dal basso alla vita politica, sociale e culturale può rendere più efficace ogni iniziativa e garantire uno sviluppo solidale della nostra comunità.

Con queste premesse, abbiamo deciso di aderire alla iniziativa comunale “Adotta una aiuola”, tramite cui ogni cittadino può impegnarsi a curare personalmente una parte di verde pubblico.

Così facendo, si ottengono alcuni vantaggi:

  • i cittadini sono sensibilizzati al rispetto degli spazi pubblici
  • gli operai comunali possono occuparsi di altre attività
  • si migliora il decoro

Ci preme sottolineare che i protagonisti di questa iniziativa siano un gruppo di ragazzi giovanissimi, che con senso di responsabilità hanno deciso di prendersi cura di un pezzo del loro paese.

Infine, consideriamo opportuno che gli amministratori e l’assessore al ramo, potenzi l’adesione a questa iniziativa, promuovendo forme di incentivi e garantendo maggiore informazione in proposito.

Il movimento Cirano è disponibile, tramite i propri esperti, a confrontarsi sul tema.

adotta aiuola
Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | 1 commento

Bandi per la sicurezza e la ristrutturazione delle scuole

0

Gentili amministratori, 

segnaliamo la presenza di due opportunità per intercettare fondi da investire nelle strutture scolastiche del nostro territorio.

1) Nel primo caso si tratta di un avviso per l’assegnazione di contributi a regia regionale per l’esecuzione di indagini diagnostiche ed effettuazione delle verifiche tecniche finalizzate alla valutazione del rischio sismico degli edifici scolastici, nonché al consequenziale aggiornamento della relativa mappatura, previste dall’OPCM n. 3274 del 20 marzo 2003.
Si tratta di un bando particolarmente importante tramite cui la regione Sicilia rende disponibili somme per circa 25 milioni di euro da utilizzare per effettuare le verifiche sismiche e le indagini diagnostiche nelle scuole.
La presentazione del bando necessita di particolare attenzione vista la necessità di rispettare due scadenze: il 6 ottobre e il 13 ottobre.

2) Nel secondo caso si tratta di un bando nazionale con il quale il MIUR mette a disposizione dei comuni siciliani circa 116 milioni di euro per interventi di messa in sicurezza, adeguamento e miglioramento strutturale e sismico, riqualificazione, ecc.

Sono ammessi a partecipare all’Avviso gli enti locali proprietari degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico statale.

La scadenza di questo bando è il 30 novembre.

In sostanza, si tratta di due importanti opportunità per poter intervenire sugli edifici scolastici in maniera completa, visto che il primo bando tende a identificare eventuali criticità strutturali, fornendo chiarimenti riguardo la tenuta sismica, mentre il secondo bando permette di poter intervenire, apportando eventuali migliorie e adeguamenti, necessari a garantire la sicurezza, la salubrità e il decoro dei locali.
Infine, il Movimento Cirano è disponibile per fornire chiarimenti e supporto, tramite i propri esperti.
Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | 2 commenti

Giù le mani dal 118

0

Il movimento Cirano ha partecipato alla iniziativa di protesta contro la chiusura del presidio territoriale di emergenza (118), un servizio necessario alla salvaguardia della salute dei cittadini del nostro comprensorio.

Sono molteplici gli interventi salvavita che i medici di stanza nella sede di Falcone hanno potuto compiere avvalendosi della rapidità di intervento permessa dalla breve distanza.

Circa 400 sono stati i partecipanti, che hanno sfilato pacificamente per le vie del paese.

La protesta ha coinvolto cittadini, associazioni e istituzioni, riuniti sotto lo slogan “giù le mani dal 118”. Si è trattato di un esempio di partecipazione popolare alle iniziative e decisioni politiche, un modo per far sentire la propria voce ad un governo regionale a caccia di voti e di consensi, ma disinteressato alle esigenze della popolazione.

Peraltro, in una recente dichiarazione il dirigente nazionale e regionale del sindacato dei Medici Italiani area 118, ha spiegato che la macroarea di Messina è quella maggiormente intaccata dai tagli previsti. 

L’esigenza di tagli alla sanità, e dunque ad un servizio essenziale, difeso dalla costituzione, stride con il dato relativo al costo dell’ARS di circa 160 milioni di euro all’anno (la regione più costosa di Italia), più del doppio della regione Lombardia e Veneto.

E’ molto importante che associazioni e gruppi locali informino adeguatamente i propri affiliati sulla gravità di quanto sta avvenendo e che iniziative come quella di ieri trovino maggiore partecipazione, a tutela di un sistema non derogabile poichè produce una riduzione della mortalità in caso di emergenza.

Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | Lascia un commento

Condoglianze

0

Apprendiamo con dispiacere della perdita della della bisnonna del nostro presidente di Cirano Giovani.

Esprimiamo vicinanza e cordoglio a Marco e la sua famiglia tutta.

Movimento Cirano

Cirano Giovani

Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | Lascia un commento

Protesta chiusura 118

0

Il Movimento Cirano e Cirano Giovani, parteciperanno all’iniziativa di protesta contro la chiusura dei presidi territoriali di emergenza (118), compreso quello di Falcone.

Ciò comporterebbe maggiore tempo di intervento dalla chiamata di un nostro concittadino, poichè l’ambulanza stazionerebbe in un luogo più distante, con evidenti maggiori rischi per la salute.

Invitiamo tutti i cittadini di Oliveri a partecipare all’iniziativa, durante la quale avverrà una raccolta firma da inoltrare agli enti competenti, per opporsi a questa eventualità.

Inizio ore 16.00.

Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | Lascia un commento

Comunicato Cirano Giovani

0
Siamo già a settembre e questi mesi di vacanza sembrano già un lontano ricordo. E’ ora di mettere gli zaini sulle spalle e ricominciare la scuola.
Il gruppo Cirano Giovani vuole augurare a tutti gli studenti un buon rientro scolastico!
Purtroppo abbiamo appreso della chiusura del plesso scolastico che ospita la scuola primaria e secondaria del nostro paese. Ci auguriamo che il nostro sindaco possa trovare presto una soluzione e che risolva definitivamente questo gravissimo problema.
Infine, comunichiamo che dopo la sosta estiva riprenderanno tutte le attività del movimento. Vi aspettano grandi sorprese e tante novità!
Cirano Giovani
Condividi:
Share
Pubblicato in Movimento Cirano | Lascia un commento