Gestione rifiuti fine settimana

1

Da alcune settimane alcuni concittadini denunciano l’abbandono di rifiuti, soprattutto dopo i fine settimana.

Si tratta di un comportamento da condannare, che mostra poca civiltà e rispetto dei luoghi.

Allo stesso tempo è compito delle autorità intervenire e favorire comportamenti virtuosi che non deturpino i luoghi e la natura.


  • Premesso che dall’O.M.T. l’Organizzazione Mondiale del Turismo ha fornito questa definizione di turismo sostenibile, “Le attività turistiche sono sostenibili quando si sviluppano in modo tale da mantenersi vitali in un’area turistica per un tempo illimitato, non alterano l’ambiente (naturale, sociale ed artistico) e non ostacolano o inibiscono lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche”.
  • Accertato che Oliveri è un paese a vocazione Turistica, meta di vacanzieri, turisti e amanti della gita fuori porta;
  • Accertato che i fine settimana dei periodi primaverili e inizio estate comportano un repentino e considerevole aumento delle presenze sul territorio;
  • Osservato che tale maggiore afflusso si concentra nelle zone prospicenti al mare;
  • Accertato che a Oliveri si effettua la raccolta porta a porta, con conseguente eliminazione dei cassonetti per la raccolta rifiuti;
  • Osservato che i turisti giornalieri di frequente usano le nostre aree per Pic-nic, producendo rifiuti posizionati ai bordi delle strade o accanto ai cestini per piccoli rifiuti;
  • Osservato anche che talvolta come denunciato da immagini di nostri concittadini i rifiuti vengono abbandonati lungo i margini, in maniera indiscriminata;
  • Condiviso che l’abbandono dei rifiuti è un grave danno per il decoro urbano producendo sensazioni di disagio fra la popolazione e i frequentatori di Oliveri;
  • Rilevato che non siamo a conoscenza di un piano di emergenza rifiuti per la gestione dei flussi estemporanei e occasionali;
  • Considerato che l’assenza di decoro è motivo di esclusione nella scelta di una località di villeggiatura e di relax, con grave danno economico per le attività commerciali ivi presenti;
  • Rilevato, infine, che l’attività politica di Cirano intende distinguersi per una critica costruttiva e propositiva;

Tutto ciò premesso, riteniamo urgente contrastare l’abbandono dei rifiuti sul territorio nei periodi primaverili, in special modo nei fine settimana, e proponiamo due soluzioni:

  1. Disposizione sul territorio interessato dall’emergenza rifiuti di punti di conferimento dei rifiuti (es. punti di raccolta, isole ecologiche) che accolgano i rifiuti prodotti dal turista occasionale.

Nello specifico, occorrerà:

  • Realizzare una mappa dell’abbandono dei rifiuti ;
  • Individuare uno o più punti strategici in cui collocare le isole ecologiche;
  • Individuare contenitori che non deturpino il paesaggio;
  • Fare leva sugli obblighi contrattuali con l’azienda preposta alla raccolta che la impegnano a fornire un container per la raccolta supplementare;
  • Realizzazione di materiale informativo con slogan adatti a sensibilizzare il turista;
  • Inserire tale iniziativa in una più ampia progetto di marketing territoriale, proponendo incentivi per chi smaltisce adeguatamente i rifiuti, sotto forma di sconti da utilizzare nella stessa giornata presso le attività commerciali aderenti all’iniziativa.

Vantaggi attesi:

  • Diminuzione di sacchetti sparsi per il territorio
  • Miglioramento del decoro del paese
  • Minore inquinamento della spiaggia
  • Diminuzione dei costi della raccolta dei rifiuti abbandonati a favore della collettività
Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Condividi:
Share
Questa voce è stata pubblicata in Movimento Cirano. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.