Abbattimento Alberi di Pino Domestico

1

L’idea di vivere in un paese ricco di verde, con molti alberi alle strade è comune ai cittadini di Oliveri. A questo si aggiunge un senso del rispetto per la natura e per l’ambiente che è testimonianza di civiltà e amore verso un bene condiviso.

Per queste ragioni desideriamo portare avanti la nostra battaglia a difesa del verde del paese. Qualcuno ci accusa di farlo tardivamente, omettendo che io movimento esiste da poco tempo.

Oggi cerchiamo di fare del nostro meglio per contribuire positivamente a migliorare il territorio in cui abbiamo deciso di vivere.

Condividiamo in formato elettronico la nota protocollata al comune di Oliveri.

E’ nostra intenzione conoscere quali criteri si utilizzino per la gestione del verde pubblico.

Non comprendiamo le ragioni per cui debba mantenersi questa opacità, riguardo un bene comune, malgrado le evidenti, continue, proteste dei cittadini.

Non comprendiamo le ragioni per cui, la nostra proposta di istituzione di una commissione per il verde pubblico, contenente un agronomo (a titolo gratuito), continui a non essere considerata.


Con determina sindacale n°125 del 21.06.2018 avente oggetto la liquidazione di interventi urgenti per abbattimento alberi, si specifica che :

  • L’amministrazione comunale al fine di rendere più accogliente il territorio intende mettere a dimora alberi e piante nelle aiuole bordo carreggiata del centro urbano e nelle zone periferiche;
  • Le recenti avversità atmosferiche, hanno determinato la caduta al suolo di alcuni alberi con conseguente necessità di verificare la condizione di altre piante ritenute bisognevoli di interventi di messa in sicurezza;
  • Per poter valutare dette situazioni è stata attuata una verifica sulle condizioni di essenze che, per la loro condizione, la loro altezza e la presenza di rami secchi e condizioni fitopatologiche, rientrano in una gamma di priorità di intervento.

Sulla scorta di quanto specificato,

Chiediamo

  • Quante e quali piante a seguito di avversità atmosferiche, per come riportato in determina, sono state oggetto di schianto al suolo;
  • Quale metodologia diagnostica è stata utilizzata per stabilire la condizione di pericolosità e la conseguenza messa in sicurezza delle suddette piante;
  • Quali problematiche fitopatologiche presentavano le piante oggetto di abbattimento;
  • Se esiste una relazione tecnica a firma di un dottore agronomo o di un dottore forestale che ne indichi la pericolosità e quale interventi da eseguirsi per la loro messa in sicurezza;
  • Se nel corso della verifica è stata valutata una misura alternativa all’abbattimento.

Sicuri di una sua gradita risposta porgiamo distinti saluti.

Distinti saluti.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Condividi:
Share
Questa voce è stata pubblicata in Movimento Cirano. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.